+39.051.2962511

Via delle Donzelle, 2 - 40126 Bologna (BO)

Home / Ricerca nel portale

Monte di pietà di Villa Lagarina, Villa Lagarina (TN), (1554-1902)

Fondatore
Angelo Siciliano

Denominazioni
Monte di pietà di Villa Lagarina (1554-1902); Santo Mont (1554-1902)

Periodo di attività
1554-1902

Localizzazione
Nazione: Italia - Località: Villa Lagarina

Attività del Monte di Pietà

Storia
Il Monte venne fondato verso il 1554 a seguito dell'impulso dato dalla predicazione di Angelo Siciliano, con il concorso della comunità e della nobile famiglia dei conti Lodron. Nel corso dell'Ottocento venne assorbito dalla locale Congregazione di carità. L'istituto venne soppresso con decreto del 7 luglio 1902 (messo in atto l'anno seguente) per inattività.

Attività
Prestito su pegno a tasso gratuito

Quadro giuridico
I più antichi statuti risalgono al 1578.

Descrizione archivio

Denominazione
Santo Monte di pietà di Villalagarina (fondo)

Link
https://www.cultura.trentino.it/archivistorici/complessi/2108700

Date
1557-1933

Consistenza
Registri 59, fascicoli 4

Soggetto conservatore
Archivio storico comunale di Villa Lagarina

Ambiti e contenuti
Statuti, deliberazioni, carteggio, resoconti, giornali di cassa

Strumenti di ricerca
Comune di Villa Lagarina. Inventario dell'archivio (1513-1945), a cura di Cooperativa Corist, Provincia autonoma di Trento. Servizio Beni librari e archivistici, 1986, pp. 284-296 [https://www.cultura.trentino.it/archivistorici/inventari/1924074]

Bibliografia
Virginia Crespi Tranquillini, Giovanni Cristoforetti, Antonio Passerini, La nobile pieve di Villa Lagarina, Trento, Cassa Rurale di Rovereto-Stampalith, 1994, pp. 74-82; Roberto Adami, Le due sedi del Monte di Pietà, in «Quaderni del Borgoantico», I (2000), pp. 12-16; Antonio Passerini, 1902: morte annunciata di un'istituzione secolare. 110 anni fa i Comuni di Villa, Nogaredo-Brancolino, Pederzano, Sasso-Noarna decisero la chiusura del "Santo Mònt" (banco dei pegni) in vita da tre secoli e mezzo, in «Quaderni del Borgoantico», XIII (2012), pp. 102-129